scales3.gif - 3131 Bytes Port@Lex7.gif - 6843 Bytes progetto2.gif - 1634 Bytes
Portalex arrow2.jpg - 581 Bytes Il Diritto Regionale arrow2.jpg - 581 Bytes La Legge Regionale
Link_Interni1.jpg - 1600 Bytes Benvenuti sul Portale del Diritto dei Consumatori Link_Esterni1.jpg - 1629 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale
pagina base
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
I siti delle Regioni
Regione Piemonte
Regione Lazio
Regione Lombardia
Regione Veneto
Regione Toscana
Regione Marche
Regione Abruzzo
Regione Molise
In questo momento sei su
Port@Lex.it
Regione Puglia
Regione Campania
Regione Sardegna
Regione Basilicata
Valle d'Aosta
Regione Calabria
Regione Friuli
Regione Emilia Romagna
postina.gif - 487 Bytes
Regione Liguria
Regione Sicilia
Regione Trentino Alto Adige
Provincia autonoma di Trento
Provincia autonoma di Bolzano
scales3.gif - 3131 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale
pagina base
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale
pagina base
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale
pagina base
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 23-05-1994
Norme per la tutela dei consumatori e degli utenti

ARTICOLO 1 Principi generali
1. La Regione, nell 'ambito delle proprie competenze e in esecuzione della normativa comunitaria o nazionale, riconosce e promuove il ruolo economico e sociale dei cittadini in qualità di consumatori ed utenti di beni e servizi di godimento individuale e collettivo ed il loro diritto ad operare e ad associarsi per la salvaguardia e la tutela della loro condizione.

ARTICOLO 2 Obiettivi
1. La Regione, al fine di tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti, persegue in particolare i seguenti obiettivi: a) protezione contro i rischi per la salute e la sicurezza del consumatore e dell 'ambiente; b) vigilanza contro i rischi per gli interessi economici e giuridici del consumatore; c) promozione ed attuazione di una politica di educazione e informazione del consumatore; d) promozione ed attuazione di iniziative miranti a tutelare il cittadino in quanto utente di servizi pubblici; e) promozione e sviluppo dell 'associazione tra i consumatori al fine di garantire la partecipazione ai benefici della vita associativa e contribuire all 'attuazione della normativa in materia di tutela dei consumatori e degli utenti. 2. La Regione persegue la tutela del diritto alla rappresentanza dei consumatori nel proprio seno e presso gli enti, gli istituti e le aziende da essa dipendenti e/o comunque sottoposti a controllo, tutela e/o vigilanza della medesima, negli enti locali territoriali e/o istituzionali, nonché negli enti, negli istituti e nelle aziende da questi dipendenti e/ o comunque sottoposti a controllo, tutela e/o vigilanza.

ARTICOLO 3 Consiglio regionale dei consumatori e degli utenti
1. Per il perseguimento degli obiettivi di cui alla presente legge, presso la Presidenza della Regione è istituito il Consiglio regionale dei consumatori e degli utenti (d'ora in poi Consiglio), organo consultivo, di iniziativa, controllo e impulso, cui sono attribuiti i seguenti compiti: a) formulare proposte al Governo regionale per l'attuazione delle disposizioni nazionali e comunitarie in materia di tutela dei consumatori e degli utenti b) formulare proposte per l'effettuazione di ricerche; c) esprimere pareri sugli interventi regionali connessi alla tutela dei consumatori; d) formulare proposte per il coordinamento degli interventi dei comuni in materia di difesa dei consumatori; e) formulare proposte circa la migliore erogazione dei servizi, di qualsiasi natura, da parte di enti, organismi o uffici pubblici regionali; f) ricevere segnalazioni e relazioni scritte, che devono recare le generalità dei singoli firmatari.

ARTICOLO 4
Composizione del Consiglio regionale dei consumatori e degli utenti 1. Il Consiglio è nominato dal Presidente della Regione ed è così composto: a) dal Presidente della Regione, o da un suo delegato permanente, che lo presiede; b) da dodici componenti designati dalle associazioni dei consumatori riconosciute; c) da un rappresentante per ciascuna delle associazioni maggiormente rappresentative delle categorie dei commercianti, degli artigiani e degli industriali sulla base di terne fornite dalle associazioni stesse o designate congiuntamente. 2. Il Presidente può invitare a partecipare alle riunioni del Consiglio esperti nelle materie all'ordine del giorno. 3. Nella composizione del Consiglio deve essere comunque garantita la presenza maggioritaria di componenti designati dalle associazioni dei consumatori. 4. Il Consiglio è nominato entro centoventi giorni dall'entrata in vigore della presente legge. 5. Il Consiglio è insediato purché siano stati designati almeno la metà dei componenti. 6. Il Consiglio approva, entro tre mesi dalla prima seduta, il proprio regolamento. I membri del Consiglio restano in carica per la durata di quattro anni. 7. Per lo svolgimento dei suoi compiti il Consiglio si avvale di una segreteria, nominata tra il personale della Presidenza della Regione, composta da non più di tre unità.

ARTICOLO 5 Riconoscimento associazioni dei consumatori
1. Le associazioni sono riconosciute con decreto del Presidente della Regione. 2. Ai fini del riconoscimento esse sono tenute a dimostrare la loro effettiva azione da almeno un anno e l'adesione di almeno cento persone a livello regionale. 3. Alle associazioni di cui al presente articolo e a tutti i cittadini sono riconosciuti i diritti e le facoltà di cui al comma 3 dell'articolo 14 e al comma 4 dell'articolo 18 della legge 8 luglio 1986, n. 349, per le specifiche finalità della presente legge. 4. Al fine di pervenire alla prima costituzione del Consiglio, il Presidente della Regione provvede al riconoscimento delle associazioni per la tutela dei consumatori già operanti a livello regionale entro centoventi giorni dall'entrata in vigore della presente legge e su documentata istanza dell'associazione, che dovrà essere inoltrata entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.

ARTICOLO 6 Norme per l 'effettuazione di analisi
1. Gli enti, abilitati ad effettuare analisi cliniche o chimico - fisiche, sono tenute a eseguire analisi a richiesta di associazioni di consumatori, di cui all'articolo 5, purché non si tratti di associazioni che svolgono attività commerciale. 2. Qualora gli enti ritengano motivatamente di non essere in grado di eseguire le analisi, esse provvedono entro dieci giorni dal prelevamento a richiederne l'effettuazione agli altri laboratori ed istituti incaricati in base alle vigenti disposizioni di legge. 3. Gli enti, qualora la natura e la qualità delle analisi o altre circostanze lo richiedano, possono rifiutare motivatamente di eseguire le analisi, dandone comunicazione ai richiedenti entro dieci giorni dal ricevimento della domanda. 4. Del risultato delle analisi si dà immediata comunicazione, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, al legale rappresentante dell'associazione richiedente ed al sindaco del comune territorialmente competente. Il risultato delle analisi deve essere altresì, contestualmente, comunicato alla impresa produttrice o importatrice del prodotto oggetto dell'esame. 5. L 'impresa produttrice o importatrice può richiedere,entro un mese dalla data del ricevimento, la revisione dell'analisi. 6. I risultati della revisione sono comunicati ai medesimi destinatari e con le stesse formalità di cui ai commi precedenti. 7. Le analisi sono effettuate a prezzo di costo. 8. Presso ogni ufficio preposto alla vigilanza e controllo a tutela dei consumatori è tenuto un registro per la pubblica consultazione nel quale vengono annotate le denunce e segnalazioni pervenute, l'esito degli accertamenti svolti e i provvedimenti assunti.

ARTICOLO 7 Educazione del consumatore
1. Per l'attività di formazione del consumatore il Governo regionale, d'intesa con le autorità scolastiche, in collaborazione con il Consiglio, predispone programmi di educazione per il persona docente e per gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. 2. I programmi di cui al comma 1 comprendono le materie di cui alle lettere a e b dell'articolo 2, nonché qualsiasi altro profilo attinente alla tutela della libertà e della dignità del consumatore. 3. Le iniziative di cui al comma 1 verranno realizzate avvalendosi della collaborazione delle associazioni di cui all'articolo 5.

ARTICOLO 8
1. La presente legge sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana. 2. E 'fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.
Palermo, 23 maggio 1994

Torna su

Disegno di legge della XII legislatura N.553 / 1997

Art. 1. 1. All'articolo 3 della legge regionale 23 maggio 1994, n. 7 è aggiunto il seguente comma: '2. Il parere del consiglio regionale dei consumatori e degli utenti è obbligatoriamente richiesto sulle iniziative e sui progetti della Regione e degli enti sottoposti a controllo e vigilanza che attengono alle problematiche dei consumatori e degli utenti '.

Art. 2. 1. Alla lettera b), del comma 1 dell'articolo 4 della legge regionale 23 maggio 1994. n. 7 sono aggiunte le seguenti parole: 'tra i quali viene scelto il vice-Presidente vicario '.

Art. 3. 1. All'articolo 6 della legge regionale 23 maggio 1994, n. 7 sono aggiunti i seguenti commi: '9. Il consiglio regionale dei consumatori e degli utenti , d'intesa con i competenti uffici della Regione, accerta la qualità ed il livello dei servizi erogati dagli enti, società, aziende ed istituzioni pubbliche o private e ne riferisce periodicamente alla Giunta regionale ed alla competente Commissione legislativa dell'Assemblea regionale siciliana. 10. Entro il 31 dicembre 1997, i soggetti indicati al comma 9 sono tenuti ad adottare la carta dei servizi con la modalità di cui alle direttive della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento funzione pubblica '.

Art. 4. 1. All'articolo 7 della legge regionale 23 maggio 1994, n. 7 sono aggiunti i seguenti commi: '4. E' istituito presso il consiglio regionale dei consumatori e degli utenti , con sede presso l'Assessorato regionale della cooperazione, del commercio, dell'artigianato e della pesca: a) l'osservatorio prezzi e consumi che si avvale dei dati forniti dalle camere di commercio ed altri enti competenti; b) una linea verde. 5. Agli uffici per le relazioni con il pubblico (U.P.R.), istituiti in base al decreto del Presidente del 20 gennaio 1995, n. 11 (articolo 30) presso ciascun ramo dell'amministrazione regionale, sono demandati compiti di assistenza ed informazione ai cittadini quali consumatori ed utenti . 6. Per le finalità di cui al comma 1 è autorizzata la spesa complessiva di lire 1.500 milioni per il triennio 1997/1999, di cui lire 500 milioni per l'esercizio finanziario 1997. 7. E' altresì autorizzata, per le finalità di cui ai commi 4 e 5, la spesa complessiva di lire 600 milioni per il triennio 1997/1999, di cui 200 milioni per l'esercizio finanziario 1997. 8. L'onere di lire 1.400 milioni per gli esercizi finanziari 1998/1999 trova riscontro nel bilancio pluriennale della Regione, codice 2001'.

Art. 5. 1. Dopo l'articolo 7 della legge regionale 23 maggio 1994, n. 7 sono aggiunti i seguenti articoli: 'Art. 7 bis. - Gettone di presenza e di indennità di missione - 1. Ai membri esterni dell'amministrazione regionale, componenti del consiglio regionale dei consumatori e degli utenti , è dovuta l'indennità e l'eventuale trattamento economico di missione previsti dalla vigente normativa regionale a favore dei dirigenti superiori amministrativi. 2. Ai componenti del consiglio regionale dei consumatori e degli utenti è attribuito un gettone di presenza, per ogni giornata o frazione di essa, pari a quello stabilito in favore di organi collegiali di classe A, di cui al decreto presidenziale 24 marzo 1995, pubblicato nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana del 3 giugno 1995 n. 30. 3. A detti componenti inoltre si applicano le disposizioni di cui alla legge n. 816 del 1995 e successive modifiche ed integrazioni. Art. 7 ter. - 1. Le associazioni dei consumatori ed utenti sono tenute a presentare una relazione annuale sull'attività svolta. 2. In ogni articolo della presente legge dopo la parola ' consumatori ' devono essere aggiunte, ove mancanti, le parole 'e utenti '. Art. 7 quater. - Disposizioni finanziarie - 1. Per le finalità di cui all'articolo 7 bis è autorizzata la spesa complessiva di lire 1.000 milioni per il triennio 1997/1999, di cui lire 400 milioni per l'esercizio finanziario 1997. 2. L'onere di lire 300 milioni per ciascuno degli esercizi finanziari 1998/1999 trova riscontro nel bilancio pluriennale della Regione, codice 2001'.

Art. 6. 1. La presente legge sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana. 2. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.

Torna su

Il Consiglio Nazionale Consumatori Utenti
Il Garante della Privacy
Il Governo
Il Parlamento
La Presidenza della Repubblica
La Corte Costituzionale
Il Parlamento Europeo
Il Ministero della Giustizia
In questo momento sei su
Port@Lex.it
Ministero dell'Economia 1

Ministero dell'Economia 2
Ministero delle Attività Produttive 1

Ministero delle Attività Produttive 2
Ministero dell'Interno
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Tutti gli altri Ministeri
Tutti gli altri Garanti
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
Il Consiglio Nazionale Consumatori Utenti
Il Garante della Privacy
Il Governo
Il Parlamento
La Presidenza della Repubblica
La Corte Costituzionale
Il Parlamento Europeo
Il Ministero della Giustizia
In questo momento sei su
Port@Lex.it
Ministero dell'Economia 1

Ministero dell'Economia 2
Ministero delle Attività Produttive 1

Ministero delle Attività Produttive 2
Ministero dell'Interno
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Tutti gli altri Ministeri
Tutti gli altri Garanti
postina.gif - 487 Bytes
In questo momento sei su Port@Lex.it
Torna su
Copyright © 2002-2004 Port@Lex.it - Tutti i diritti riservati
Indirizzate le vostre mail a: progettoportalex@aruba.it