scales3.gif - 3131 Bytes Port@Lex7.gif - 6843 Bytes progetto2.gif - 1634 Bytes
Portalex arrow2.jpg - 581 Bytes La Storia
Link_Interni1.jpg - 1600 Bytes Benvenuti sul Portale del Diritto dei Consumatori Link_Esterni1.jpg - 1629 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale dei Consumatori
postina.gif - 487 Bytes
In questo momento sei su
Port@Lex.it
La tavola dei link
Il Diritto Regionale dei Consumatori
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
scales3.gif - 3131 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale dei Consumatori
postina.gif - 487 Bytes
In questo momento sei su
Port@Lex.it
La tavola dei link
Torna a Portalex Home Page
Il Manuale di sopravvivenza del Consumatore
La storia
Il Codice del Diritto dei Consumatori
Il Diritto Regionale dei Consumatori
scales3.gif - 3131 Bytes
La Storia del Movimento per la Difesa dei Consumatori

Il fenomeno sociale del consumerismo nasce negli Stati Uniti d'America alla fine del XIX┬░ secolo, ed Ŕ il frutto di una vasta protesta degli strati pi├╣ poveri del proletariato americano, giÓ allora vessato dai grandi monopolisti ed oligopolisti che imponevano alti prezzi e qualitÓ scadente sui generi di prima necessitÓ.
Il successo delle proteste port˛ alla approvazione di leggi federali che imposero un livello minimo di genuinitÓ negli alimenti e nei medicinali. Si tratt˛ per˛ di un successo parziale, e la protesta, per gli stessi motivi, torn˛ ad imporsi prepotentemente negli anni della grande depressione.
Questa seconda ondata mise pi├╣ chiaramente in luce i due principali fattori di debolezza delle masse dei lavoratori/consumatori (1):

  • L'assoluta mancanza di informazioni sui prodotti, che impediva di effettuare scelte corrette e quindi di orientare l'offerta.
  • La carenza di rappresentanza politica, che avrebbe potuto unire e canalizzare meglio le proteste ancora sparse e disunite.
La prima esperienza organizzata concernente il consumerismo ebbe origine proprio in quegli anni, e port˛ alla fondazione della rivista "Consumers Research Bulletin", che pubblicava i risultati di test comparativi su prodotti di largo consumo. A questa iniziativa fece seguito la nascita di "Consumers Union", un'associazione ancora oggi molto attiva negli Stati Uniti ed in Canada.
Solo nel secondo dopoguerra la cultura consumerista trov˛ terreno fertile in Europa. Negli anni cinquanta, ad esempio, il governo inglese ritenne necessario dare ai consumatori la possibilitÓ di esprimersi su materie che tradizionalmente erano riservate a produttori e commercianti (2), e cre˛ un apposito organismo amministrativo di protezione; e nella stessa direzione si mosse anche il governo danese; questa terza fase di crescita della cultura consumerista, che ha finalmente traslato i suoi germi sulla sponda europea dell'Atlantico, ha anche goduto di una positiva opinione ed attenzione da parte di politici e uomini di governo dei due continenti. Fu per primo il presidente J. F. Kennedy, nel 1962 (1), a dare una definizione ufficiale dei diritti dei consumatori:
  • sicurezza,
  • informazione,
  • opportunitÓ di scelta,
  • attenzione governativa.
Negli stessi anni, seguendo l'esempio di Danimarca e Regno Unito, anche gli altri paesi scandinavi, il Benelux, la Francia e la Germania riconobbero l'importanza sociale del problema, ed istituirono i primi organismi amministrativi di controllo in favore dei consumatori, che formarono il substrato per la nascita di successive e pi├╣ ampie legislazioni
Solo nel 1975, la ComunitÓ Europea, dopo un lungo dibattito interno, riordina in modo organico tutte le iniziative in materia di tutela del consumatore e precisa quali saranno gli obiettivi del suo intervento:
  • La protezione contro i rischi e per la salute del consumatore;
  • La protezione degli interessi economici del consumatore;
  • La predisposizione di consulenza e assistenza per il risarcimento dei danni;
  • L'informazione e l'educazione del consumatore;
  • La consultazione e la rappresentanza dei consumatori nella predisposizione delle decisioni che li riguardano;
Con il passare degli anni l'intervento comunitario si Ŕ fatto sempre pi├╣ incalzante ed attivo, in particolare l'Atto Unico Europeo, entrato in vigore l'1 luglio 1987 ha previsto che la Commissione CE, nelle sue proposte in materia di sanitÓ, sicurezza, protezione dell'ambiente e dei consumatori "si basa su un livello di protezione elevato", ed il trattato di Maastricht, entrato in vigore l'1/11/1993, che ha trasformato la ComunitÓ Economica in Unione Europea , ha previsto un apposito titolo dedicato alla protezione del consumatore, e ha attribuito all'Unione competenze specifiche in materia.
A partire dal 1990 la Commissione CE ha iniziato l'elaborazione di piani strategici ad ampio respiro, i cosiddetti "piani triennali", aventi lo scopo di incidere realmente sulle politiche degli stati membri nei settori riguardanti la tutela dei consumatori, per giungere ad un effettivo ravvicinamento delle legislazioni.
Con queste azioni l'Unione Europea ha dimostrato di considerare la protezione del consumatore uno dei capisaldi necessari alla realizzazione del mercato interno, e agli atti politici sono poi seguite svariate direttive, che hanno creato non pochi stravolgimenti nei sistemi giuridici dei singoli paesi dell'Unione, tanto che anche il nostro Parlamento si Ŕ trovato costretto, suo malgrado, a riconoscere l'esistenza di questo fenomeno sociale, cui aveva sempre negato asilo, prima mediante il recepimento obbligatorio delle direttive, e poi con l'emanazione di una legge apposita il 30 luglio 1998.
Un elemento essenziale per lo sviluppo del Diritto dei consumatori Ŕ stata l'attivitÓ delle regioni, che, con quindici anni di anticipo rispetto al Parlamento, hanno riconosciuto l'importanza delle associazioni per la difesa dei consumatori e della loro attivitÓ.

BIBLIOGRAFIA
(1) - F. SILVA, A. CAVALIERE, I diritti del consumatore e l'efficienza economica, in La tutela del consumatore tra mercato e regolamentazione, a cura di F. SILVA, Roma 1996, p.12,15,16
(2) - G. ALPA, Il Diritto dei consumatori, Bari 1995, p. 12
Da consulatre anche:
V. Z. ZENCOVICH, Consumatore (tutela del), Enciclopedia Giuridica Italiana, p. 8
G. CHINE', Il consumatore, in Diritto privato europeo, a cura di N. LIPARI, Padova 1996

Il Consiglio Nazionale Consumatori Utenti
Il Garante della Privacy
Il Governo
Il Parlamento
La Presidenza della Repubblica
La Corte Costituzionale
Il Parlamento Europeo
Il Ministero della Giustizia
In questo momento sei su
Port@Lex.it
Ministero dell'Economia 1

Ministero dell'Economia 2
Ministero delle AttivitÓ Produttive 1

Ministero delle AttivitÓ Produttive 2
Ministero dell'Interno
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Tutti gli altri Ministeri
Tutti gli altri Garanti
postina.gif - 487 Bytes
scales3.gif - 3131 Bytes
Il Consiglio Nazionale Consumatori Utenti
Il Garante della Privacy
Il Governo
Il Parlamento
La Presidenza della Repubblica
La Corte Costituzionale
Il Parlamento Europeo
Il Ministero della Giustizia
In questo momento sei su
Port@Lex.it
Ministero dell'Economia 1

Ministero dell'Economia 2
Ministero delle AttivitÓ Produttive 1

Ministero delle AttivitÓ Produttive 2
Ministero dell'Interno
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Tutti gli altri Ministeri
Tutti gli altri Garanti
postina.gif - 487 Bytes
In questo momento sei su Port@Lex.it
Torna su
Copyright ┬ę 2002-2004 Port@Lex.it - Tutti i diritti riservati
Indirizzate le vostre mail a: progettoportalex@aruba.it